fbpx

AFC Ajax, origine e mito dello stemma dei lancieri

Amsterdam la città dei mille canali e del multiculturalismo, ma anche città d’arte con i suoi vizi e la sua sregolatezza, un connubio di contrasti nel quale il gioco del calcio rappresenta un riferimento nella gente, trovando la sua massima libertà espressiva.

La capitale dei Paesi Bassi è anche la sede principale di uno dei club calcistici più leggendari e prestigiosi d’Europa: l’Amsterdamsche Football Club Ajax, meglio noto semplicemente come Ajax.

Johan Cruijff Arena

Johan Cruijff Arena

Milita nella massima serie del campionato olandese e gioca le partite casalinghe alla Johan Cruijff Arena. È la squadra più titolata della nazione e tra le più vittoriose in ambito internazionale, famosa ancora oggi per il suo ricco vivaio, da sempre considerato un laboratorio di talenti.

Un club con una storia gloriosa che ha conquistato il mondo all’inizio degli anni ’70 rivoluzionando il gioco del calcio, con uno stile straordinario ed innovativo, attraverso le prodezze di uno dei suoi giocatori più importanti nonché una leggenda diventata un’icona calcistica Johan Cruijff.

Johan Cruijff 14Il club nasce il 18 Marzo 1900 da un gruppo di tre amici seduti al tavolo di un caffè nel centro di Amsterdam, il noto Oost Indië, chiamato così in onore probabilmente dei floridi commerci con le Indie orientali che arricchirono la corona olandese. Decidono di fondare una squadra calcistica e con idee chiare furono prese varie decisioni: la scelta del nome, i colori della divisa da gioco e lo stemma rappresentativo.

Optano per Amsterdamsche Football Club Ajax e la squadra avrebbe indossato i colori sociali della bandiera della città: il rosso, il bianco ed il nero.

Fondatori AFC AJAX

fondatori del club

Oost Indië

Oost Indië agli inizi del Novecento

Bandiera Amsterdam

bandiera di Amsterdam

Inizialmente veniva utilizzata una maglia a righe verticali bianche e rosse con pantaloncini neri, poi la promozione nella massima serie del campionato olandese obbligò al cambio, poiché risultava uguale a quella dello Sparta Rotterdam ed essendo lontana l’epoca della seconda maglia, a partire dal 1911 i lancieri dovettero apportare la modifica nel formato ancora oggi attuale: una maglia bianca con una sola banda rossa verticale al centro diventata una delle divise da gioco più famose al mondo e nella storia del calcio mondiale.

maglia-Johan Cruijff-anni 70

Johan Cruijff in azione con la maglia dell’Ajax dei primi anni ’70

Pochi conoscono due curiosità legate al nome ed allo stemma del club, che hanno entrambe un’origine molto particolare, con un forte richiamo alla mitologia greca. Nonostante sia una nazione distante culturalmente e geograficamente dalla Grecia, l’Olanda ha spazio anche per il classicismo e la gloria delle civiltà antiche.

Verso la fine dell’ Ottocento, sebbene non esistono documenti certi, quando nacquero diversi club calcistici era di consuetudine unire la città agli studi classici come Heracles Almelo oppure Sparta Rotterdam, squadre tutt’ora esistenti che militano nell’Eredivisie.

eroi della mitologia greca

Il nome Ajax deriva da Aiace Telamonio, leggendario eroe della mitologia greca, dotato di una robusta corporatura, noto per il suo forte carattere di combattente ed anche per il coraggio che seppe mostrare in battaglia in difesa dell’onore della sua famiglia. Descritto nell’Iliade di Omero come un guerriero potente, coraggioso, impavido, molto intelligente ed autentico leader dell’esercito acheo durante la lunga e vittoriosa guerra di Troia.

La caratteristica più importante è il ruolo di Aiace nell’armata greca: era il più abile tra i lancieri (motivo per cui è stato assegnato tale soprannome ai tifosi) e compie molte imprese valorose dimostrando coraggio nei suoi duelli. Uno dei tanti aspetti che hanno affascinato i fondatori del club è stata questa sua invincibilità a differenza della stragrande maggioranza dei personaggi della mitologia greca, Aiace rimase imbattuto togliendosi la vita pur di non essere sconfitto.

Aiace Telamonio

Aiace Telamonio

Nel corso dei decenni lo stemma del club ha subito poche modifiche nella sua evoluzione, suscitando però contrasti di opinioni differenti tra i tifosi, nonostante continui ad essere una piccola gemma tra i loghi del mondo sportivo che non passa inosservato agli occhi di tutti gli appassionati di calcio.

evoluzione stemma AJAX

evoluzione dello stemma dal 1900 ad oggi

1900-1911

Stemma Ajax 1900-1911

Quando venne fondato il club, lo stemma era costituito semplicemente da un calciatore che indossa una delle prime divise da gioco: maglia a righe verticali bianche e rosse con pantaloncini e calzini neri all’interno del tondo in cui era inserito il nome della squadra.

1911-1928

Stemma Ajax 1911-1928

Con la promozione nella massima serie del campionato olandese, avvenuta nel 1911, si volle apportare una prima modifica allo stemma del club. Il calciatore all’interno del tondo indossa la nuova divisa da gioco: maglia bianca con una banda rossa verticale al centro, pantaloncini bianchi e calzini neri.

1928-1990

Stemma Ajax 1928-1990

Lo stemma fu modificato completamente e venne introdotto il volto dell’eroe greco che diede il nome alla squadra. Le parole Amsterdamsche Football Club furono rimosse poiché i disegnatori preferirono promuovere il nome Ajax accanto all’immagine di Aiace, con i colori della squadra ben visibili in un piccolo scudo posizionato sulla destra.

Il club indossava questa terza versione dello stemma anche negli anni che aprirono un ciclo di vittorie con l’arrivo di Johan Cruijff, conquistando otto campionati nazionali e tre Coppe dei Campioni consecutive.

1990-2011

Stemma Ajax 1990-2011

Giunti nell’era moderna del calcio, come molti altri club in tutta Europa, i Lancieri hanno effettuato un restyling. La storia commerciale sarebbe stata una delle ragioni principali per cambiare lo stemma e renderlo più facile da elaborare e molto più riconoscibile a qualsiasi distanza.

Il disegno di Aiace è stato sostituito da un’immagine stilizzata composta da undici linee nere, che rappresentano gli undici giocatori in campo, su uno sfondo bianco e compongono il volto del guerriero. Il piccolo scudo sulla destra è stato rimosso e sostituito con il colore rosso che invece delimita la circonferenza insieme al nome della città natale del club.

2011-2021

Stemma Ajax 2011-2021

Non vengono effettuate modifiche, ma solo aggiunte: lo stemma si presenta con tre stelle superiormente perché il club in questi anni ha raggiunto e superato la soglia dei trenta campionati conquistati, diventando anche la prima squadra della nazione a possedere ben trentaquattro titoli di campioni dei Paesi Bassi.

Questa semplificazione dello stemma non è stata particolarmente apprezzata da alcuni gruppi di tifosi dei Lancieri e in tempi recenti, ci sono state proteste con l’obiettivo di restituire al club e riportare sulla divisa da gioco il volto di Aiace, ritenuto l’unico logo della squadra e non questo disegno stilizzato. La campagna ha persino ideato uno slogan: Geef Ajax z’n gezicht terug! Tradotto significa “Restituite il volto ad Aiace”.

Restituite il volto ad Aiace

manifesto dello slogan

Il calcio attuale è cambiato ed è all’ordine del giorno che anche i club cambiano il proprio nome, i propri colori ed il proprio stemma rappresentativo, con un unico pensiero rivolto solo all’aspetto commerciale; mentre l’unico supporto che i tifosi hanno, invece, è la cultura del loro club che deve essere preservata per continuare ad identificarsi con la propria squadra che si ama tanto perché spesso è il motivo per cui si diventa sostenitori.